backprint
domenica 03 maggio 2015

Activart per Stati Generali delle Donne

crea #madeinwomanmadeinitaly

 

 


Activart cura la comunicazione di #madeinwomanmadeinitaly per promuovere il lavoro e le imprese femminili.
#madeinwomanmadeinitaly testimonia il “cambiamento culturale” all'interno di una nuova economia, paritaria, basata sui valori e sulla sostenibilità. Un’economia strutturata sui bisogni delle donne a partire dal modo in cui gli investimenti vengono effettuati, dalla gestione delle risorse nazionali e delle politiche pubbliche, fino ad arrivare ai partenariati con le istituzioni internazionali. #madeinwomanmadeinitaly è “cambiamento culturale”!

Gli eventi collegati in ‪#‎Expo2015‬ promuovono significativi esempi di realtà aziendali femminili che hanno acquisito il logo. Il logo introduce infatti buone pratiche di attività imprenditoriali femminili in termini di costruzione di filiere, di reti, di promozione del “bello “ e del “buono”, tipicamente italiani.
Si tratta di un vero e proprio “cambiamento culturale” all'interno di una nuova economia,paritaria, basata sui valori e sulla sostenibilità. Shahra Razavi, Direttrice del Dipartimento di Ricerca e Raccolta Dati di UN Women scrive “il cambiamento di cui necessita la nostra economia è lontano, ma può essere compiuto.” Un’economia strutturata sui bisogni delle donne, darà la possibilità di avere un “impatto a livello di decision-making: a partire dal modo in cui gli investimenti vengono effettuati, dalla gestione delle risorse nazionali e delle politiche pubbliche, fino ad arrivare ai partenariati con le istituzioni internazionali”.
E noi,sul cambiamento,ci stiamo lavorando.
Il primo appuntamento per le imprese femminili italiane sarà a ‪#‎Milano‬ nell'evento Feeding the Future - Creating Momentum il 25-26 GIUGNO 2015 presso il Palazzo di Lombardia, Sala Biagi Saranno due giornate di riflessione e di rappresentazione #madeinwomanmadeinitaly verso la Conferenza Mondiale delle donne del 26-27-28 settembre 2015.
Il tema :come possiamo contribuire a sostenere il processo di cambiamento in atto, nell'economia della crisi e nelle politiche oltre l'austerità.